07
Ago
09

L’amore è un mostro orrendo

Come faccio a descriverlo? Come faccio a spiegare com’è orribile – orribile. Come brucia dentro e divora la tua anima restare lì a vederla che piange, in piedi sulla porta della stanza con le mani in grembo e la voce rotta e sapere sentire sapere che tutto quello che desidera, tutto quello che spera, tutto quello di cui ha bisogno è che mi alzi, la abbracci, la consoli, le dica che la amo, che tutto andrà bene, che tutto andrà bene.
E invece restare lì, remoto come un sasso in una spiaggia, freddo come uno scheletro di ferro arrugginito. Come faccio a restare lì immobile con la faccia di pietra mentre lei piange e piange. Come faccio a restare lì mentre lei esce ripetendo che sono orrendo orrendo e piange e ha bisogno di me. Come faccio a starmene fermo lì sapendo che ciò che lei desidera è ciò che io desidero, che voglio correre a abbracciarla consolarla dirle che la amo e che tutto andrà bene perché cessi tutto questo dolore stupido e inutile.
Ma non mi muovo, non mi muovo perché so che non andrà tutto bene, perché so che le ferite che le asciugherei ora e laverei e coprirei domani si riapriranno, come si sono riaperte ieri, e ieri l’altro e un mese fa. Perché so che ogni volta è peggio, che ogni volta si fanno più profonde dolorose e promettono cicatrici più profonde e dolorose. Perché so che ogni volta scivolo più a fondo nel mio rancore e nella trappola di sentirmi più in colpa e più furioso con me stesso.
E resto immobile e freddo e remoto mentre la sento singhiozzare nell’altra stanza e mi lacero dentro per la voglia di correre da lei.
Come faccio a spiegare quanto brucia dentro tutto questo quando lei è una donna stupenda che merita solo di essere amata? Quando sei ammazzato dal desiderio di sforzarti di essere qualcun altro, qualcuno che può stare bene con lei e farla felice ed essere felice? Quando hai 35 anni e sai che non avrai più la forza di amare nessuno? Quanto brucia e divora dentro sapere che ti stai inaridendo come un cactus e che non puoi farci niente altro che rendere tutto più doloroso ancora?
Ma lo devo fare, lo devo dire perché la piantino una buona volta di raccontare che l’amore è bello, che l’amore è dolce e promessa e profonda comunione e tanta gioia.

L’amore è un mostro orrendo.

Stefano Re © Aprile 2005


1 Response to “L’amore è un mostro orrendo”


  1. 1 Mary
    7 agosto 2009 alle 14:28

    Perchè devi sforzarti di essere qualcun altro per amare ed essere amato.
    E’ vero l’amore genera mostri orrendi, e siamo noi gli artefici della notri nostri mostri.
    il tuo scritto mi ricorda una canzone di freddie Mercury too much love will kill you.

    Freddie Mercury Titolo: Too Much Love Will Kill You

    I’m just the pieces of the man I used to be
    Too many bitter tears are raining down on me
    I’m far away from home
    And I’ve been facing this alone for much too long
    I feel like no one ever told the truth to me
    About growing up and what a struggle it would be
    In my tangled state of mind
    I’ve been looking back to find where I went wrong
    Too much love will kill you
    If you can’t make up your mind
    Torn between the lover and the love you leave
    behind
    You’re headed for disaster ‘cos you never read
    the signs
    Too much love will kill you, everytime
    I’m just the shadow of the man I used to be
    And it seems like there’s no way out of this for me
    I used to bring you sunshine
    Now all I ever do is bring you down
    How would it be if you were standing in my shoes
    Can’t you see that it’s impossible to choose
    No there’s no making sense of it
    Every way I go I have to lose
    Too much love will kill you
    Just as sure as none at all
    It’ll drain the power that’s in you
    Make you plead and scream and crawl
    And the pain will make you crazy
    You’re the victim of your crime
    Too much love will kill you, everytime
    Yeah, too much love will kill you
    It’ll make your life a lie
    Yes, too much love will kill you
    And you won’t understand why
    You’d give your life you’d sell your soul
    But here it comes again
    Too much love will kill you
    In the end… In the end
    In the end… In the end

    Titolo: Too Much Love Will Kill You
    Titolo Tradotto: Troppo Amore Ti Ucciderà

    Sono solo i frammenti dell’uomo che ero solito essere
    Troppe lacrime amare si stanno
    riversando su di me
    Sono molto lontano da casa
    E sto affrontando tutto questo da solo
    da troppo tempo
    Mi sento come se nessuno mi avesse mai
    detto la verità
    Su come crescere e sullo sforzo che avrebbe comportato
    Nella mia mente piena di confusione
    Sto guardando indietro per scoprire dove
    ho sbagliato

    Troppo amore ti ucciderà
    Se non riuscirai a deciderti
    Diviso tra l’amante e
    l’amore che lasci indietro
    Vai incontro ad un disastro
    perché non hai mai letto le indicazioni
    Troppo amore ti ucciderà – ogni volta

    Sono solo l’ombra dell’uomo che ero solito essere
    E sembra che per me non ci sia alcuna via d’uscita da tutto ciò
    Ero solito ridarti la felicità
    Adesso tutto ciò che faccio è deprimerti
    Come sarebbe se tu fossi nei miei panni?
    Non vedi che è impossibile scegliere?
    Non c’è alcun senso in tutto questo
    Qualunque strada io intraprenda, devo perdere

    Troppo amore ti ucciderà
    Come quando non ne hai affatto
    Prosciugherà la forza che c’è in te
    Ti farà gridare, implorare e strisciare
    E il dolore ti renderà pazzo
    Sei la vittima del tuo crimine
    Troppo amore ti ucciderà – ogni volta

    Troppo amore ti ucciderà
    Renderà la tua vita una farsa
    Sì, troppo amore ti ucciderà
    E non riuscirai a capire il perché
    Daresti la tua vita, venderesti la tua anima
    Ma sarà di nuovo così
    Troppo amore ti ucciderà
    Alla fine…
    Alla fine


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


Stefano Re

Questo Blog raccoglie racconti, riflessioni, illazioni, delazioni e deliri di Stefano Re.

AVVISO SUL COPYRIGHT

Alcune immagini e testi presentati su questo blog sono coperti da Copyright. Ne sono consentite la visione e la registrazione a uso privato. NON ne è consentita la commercializzazione in alcuna forma. Chi desiderasse farne uso nel proprio sito web è pregato di informarne l'autore.
agosto: 2009
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: